Agricoltura

CCNL agricoltura conto terzi: c’è il rinnovo

Firmato lo scorso 12 luglio 2021 da Cai, Fai-Cisl, Flai-Cgil e Uila-Uil  il rinnovo del ccnl per i dipendenti dalle imprese che esercitano attività agro-meccaniche (Conto-terzismo in Agricoltura) . Si tratta di circa 30mila addetti.

Il nuovo contratto ha durata triennale: decorre quindi dal 1° gennaio 2021 e scadrà il 31 dicembre 2023.

Vediamo le principali novità rese note dal comunicato stampa sindacale:

Aspetti economici

L' incremento economico è di 85 euro, pari al 4,9%, per il triennio 2021 – 2023, che  verrà corrisposto o in tre tranches

  • 25 euro dal 1 luglio 2021, 
  • 25 euro  dal 1 luglio 2022 e 
  • 35 e ro dal 1 settembre 2023

Le parti si sono anche impegnate a costituire un fondo di assistenza sanitaria integrativa di settore   entro il 31.12.2021 e  di un sistema di bilateralità  che si occupi del sostegno cui affidare compiti su mercato del lavoro, salute e sicurezza, formazione e welfare contrattuale. 

Diritti contrattuali 

PERMESSI: L'accordo prevede permessi retribuiti aggiuntivi per 18 ore annue sia per malattia dei figli sia per assistenza a genitori anziani superiori ai 75 anni 

MATERNITA': integrazione a carico del datore di lavoro della retribuzione fino al 100% per un mese della ex astensione facoltativa. 

FORMAZIONE:  Per favorire l'innovazione del settore si prevedono percorsi specifici per rispondere alle esigenze di nuove competenze in campo tecnico e tecnologico. 

SICUREZZA : Aumentano i permessi retribuiti dei rappresentanti per la sicurezza ed istituita una giornata nazionale della sicurezza da svolgersi durante la vigenza. 

DIRITTO DI PRECEDENZA  Il lavoratore che ha prestato attività lavorativa per una durata superiore a sei mesi con contratti a termine presso la stessa impresa, ha diritto di precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato attuate dal datore di lavoro entro i successivi sedici mesi.

PERIODO DI PROVA  Per le assunzioni di operai a tempo determinato, inclusi i rapporti di lavoro stagionali, è previsto un periodo di prova non superiore a:

  • 10 giorni lavorativi per i livelli 2, 3 e 4; 
  • 6 giorni lavorativi per il livello 5;- 
  • 4 giorni lavorativi per il livello 6.

 Per le assunzioni di impiegati a tempo determinato, invece:

  • 8 giorni lavorativi per i livelli 1, 2 e 3; 
  • 6 giorni lavorativi per i livelli 4 e 5.

CISOA  L'azienda può richiedere l'intervento della cassa integrazione salari operai agricoli nel caso in cui l'operaio a tempo indeterminato, inquadrato nella previdenza agricola, non possa effettuare la giornata di lavoro per cause non imputabili al datore di lavoro o al lavoratore stesso.