Assegni familiari e ammortizzatori sociali

CIGO nuove causali legate alla crisi Ucraina

E' stato pubblicato il 27 aprile nel sito del Ministero del lavoro  il  Decreto ministeriale n. 67 del 31 marzo 2022 (Qui il TESTO)   che modifica il Decreto del 15 aprile 2016, n. 95442   in tema di  “Definizione dei criteri per l’approvazione dei programmi di cassa integrazione salariale ordinaria. Esame delle domande e disciplina delle singole fattispecie che integrano le causali di intervento della CIGO”  .  

Come preannunciato qualche settimana fa, l'attuale  crisi Ucraina viene infatti contemplata tra le motivazioni per i casi di  “mancanza di lavoro o di commesse e crisi di mercato” e di “mancanza di materie prime o componenti” .

 Il ministero prende atto    della attuale situazione internazionale che, dopo la recente crisi pandemica ,    sta di nuovo creando non poche conseguenze  dirette sulle economie di tutto il mondo e in particolare alle aziende e ai lavoratori, senza la loro diretta responsabilita e ritiene di dover fornire alle imprese  uno strumento  piu ampio di tutela  per affrontare le difficoltà contingenti e, si spera, temporanee che possono provocare diminuzioni o sospensioni delle attività produttive manifatturiere.

In particolare  vengono introdotte   nei criteri ordinari già previsti per l'ottenimento dei trattamenti di cassa integrazione,    le  due seguenti previsioni:

  1.    " per l’anno 2022 integra la fattispecie di “crisi di mercato” la sospensione o riduzione dell’attività lavorativa derivante anche dall’impossibilita di concludere accordi o scambi determinata dalle limitazioni conseguenti alla crisi in Ucraina (art. 3, comma 3 bis);
  2.     il caso di “mancanza di materie prime o componenti” si configura anche quando essa consegua a difficoltà economiche, non prevedibili, temporanee e non imputabili all’impresa, nel reperimento di fonti energetiche, funzionali alla trasformazione delle materie prime necessarie per la produzione."

Cio significa che le aziende dovranno inserire nella relazione tecnica richiesta per  la cigo la documentazione   delle  oggettive difficoltà economiche e  la loro  relativa imprevedibilità, temporaneità e non imputabilità (art. 5, commi 1 bis e 2)  che possono essere causate :

  • sia dalla  crisi negli scambi economici  con i partner oggetto di sanzioni 
  • che delle difficolta logistiche e produttive per la mancanza di materie prime e per l'innalzamento dei prezzi dell'energia.