Agenti e Rappresentanti

Enasarco: ultime novità 2022 sulla gestione

E' stata presentata nei giorni scorsi la prima Relazione annuale della Fondazione Enasarco: “Il futuro della Fondazione tra efficienza e trasparenza” con la nuova presidenza Mei.

Come noto, Enasarco, nata nel 1939,   tutela agenti e rappresentanti di commercio,  per la  previdenza integrativa, all’assistenza, all’istruzione professionale,  ed è il terzo ente previdenziale italiano 

Il comunicato stampa sulla relazione del Presidnete evidenzia che nel 2021 gli iscritti sono stati 351 mila, di cui circa 218 mila contribuenti e 133 mila pensionati  con versamenti per  1.250 milioni di euro di contributi nel 2021 (per il biennio 2022-2023 è atteso un incremento annuo del 3%), 

Il risultato economico di esercizio è stato pari a 187,8 milioni di euro, mentre l’ammontare del patrimonio netto è stato di 5.434 milioni di euro. 

PRESTAZIONI ASSISTENZIALI

Negli ultimi mesi Enasarco ha messo a disposizione degli iscritti nuovi strumenti assistenziali, tra CUI:

  •  la polizza sanitaria stipulata con EMAPI (Ente di Mutua Assistenza per i Professionisti Italiani), attiva dal 1° novembre 2022 
  • il “Progetto Salute Donna”, con il quale sono state stanziate risorse per rimborsare esami diagnostici ( 22,5 milioni di euro per ciascun anno)

Nel 2021 sono state garantite le risorse dedicate al ristoro in favore degli agenti in difficoltà a causa della pandemia da Covid-19. Tali contributi hanno rappresentato il 20% della spesa assistenziale sostenuta 

PATRIMONIO IMMOBILIARE E MOBILIARE

Nel comunicato si evidenzia come la Fondazione sia impegnata ad efficientare la gestione del patrimonio, attraverso la riconversione, la ristrutturazione e la riqualificazione del portafoglio immobiliare diretto e indiretto. La finalità del progetto è volta ad una più proficua valorizzazione degli asset immobiliari, per scendere di peso al 20-25% sul patrimonio immobiliare che vale complessivamente 2,8 miliardi di euro.

Per il Presidente della Fondazione Enasarco, Alfonsino Mei: “L’obiettivo della Prima Relazione Enasarco è quello di posizionare la Fondazione nel cuore del sistema previdenziale italiano e della vita del Paese, in una costante e proficua interlocuzione con le Istituzioni. Si tratta di un nuovo corso, volto a mutare la sua reputazione, anche attraverso il coinvolgimento di tutte le forze rappresentative.

 Si attendono sempre chiarimenti e provvedimenti in merito ai cosiddetti contributi silenti ovvero le risorse finanziarie versate da numerosi iscriti che non hanno portato ad alcuna prestazione e per i quali non è prevista possibilita di rimborso ricongiungimento o cumulo con altre gestioni.