Lavoro Autonomo

ISCRO 2022 autonomi: domande entro il 31 ottobre

C'è tempo fino al 31 ottobre per i  lavoratori autonomi iscritti alla Gestione separata, in possesso dei requisiti di reddito previsti, (v. circolare INPS N. 94 2021),  per presentare le domande di ISCRO 2022, l'indennità di sostegno al reddito   istituita dalla legge di bilancio 2021  (articolo 1, comma 394, della legge n. 178/2020).

INPS  nel messaggio n. 1569 del 7 aprile 2022 aveva comunicato l'apertura della  piattafoma sul  portale www.inps.it 

Va ricordato che l’accesso alla indennità di continuità reddituale  ISCRO  è ammesso una sola volta nel triennio 2021- 2023 , quindi coloro che hanno già fatto domanda  e ottenuto la prestazione l'anno scorso non la possono  richiedere nuovamente.

Non possono accedere neppure coloro che dopo averla ottenuta siano decaduti dalla prestazione  prima del termine ordinario di durata di sei mesi.

Possono fare domanda quindi:

  • gli iscritti alla Gestione separata che non abbiano richiesto ISCRO nel 2021
  • gli iscritti alla Gestione separata che abbiano fatto domanda ma questa sia stata respinta o revocata all'origine

Le modalità di richiesta di ISCRO

Per presentare la domanda è necessario accedere al modulo telematico con una delle seguenti credenziali 

  • SPID di livello 2 o superiore;
  • Carta di identità elettronica 3.0 (CIE);
  • Carta nazionale dei servizi (CNS).

Si ricorda che la domanda puo essere richiesta:

  1.  tramite il portale web,oppure 
  2.  tramite il servizio di Contact Center integrato, telefonando al numero verde 803 164 da rete fissa (gratuitamente) oppure al numero 06 164164 da rete mobile (a pagamento, in base alla tariffa applicata dai diversi gestori).

Nella domanda va allegata l'autocertificazione dei reddito prodotto negli anni precedenti  salvo  nel caso in cui i dati siano già a disposizione dell’Istituto, per cui  l'utente li troverà  precaricati nel pannello di domanda.

Iscro: i requisiti di reddito

Ricordiamo che hanno accesso alla prestazione gli iscritti alla gestione separata INPS da almeno 4 anni , in regola con gli obblighi contributivi , non titolari di pensione   e con  reddito da lavoro autonomo, nell’anno precedente la domanda:

  •  inferiore al 50% della media  nei  tre anni precedenti a quello precedente la domanda e 
  • non superiore a  8.145 euro nel 2021

ATTENZIONE: Vanno considerati solo i redditi derivanti dall'attività di lavoro autonomo.