Edilizia

Riduzione contributi edilizia 2022: istruzioni e scadenza

 E' stato pubblicato il 12 ottobre 2022 nel sito del ministero del Lavoro,  il decreto 327/2022,   di concerto con il ministero dell'Economia e delle Finanze, che  conferma nella misura dell'11,50%, anche per l'anno 2022, la riduzione contributiva a favore delle imprese edili.

L'agevolazione è stata istituita  dall’articolo 29 del Dl 244/1995.Il 28 ottobre INPS ha emanato le attese istruzioni operative  per la fruizione in Uniemens  e per la richiesta, da inviare entro il 15 febbraio 2023. Di seguito un riepilogo della disciplina e i dettagli della circolare 123  del 28 ottobre 2022.

 Riduzione contributiva edilizia: cos'è

Si ricorda che  hanno diritto all’agevolazione contributiva i datori di lavoro classificati:

  • nel settore industria con i codici statistici contributivi da 11301 a 11305 e
  • nel settore artigianato con i codici statistici contributivi da 41301 a 41305, 
  • nonché caratterizzati dai codici Ateco 2007 da 412000 a 439909.

Non costituiscono attività edili in senso stretto – pertanto sono escluse :

  •  le opere di installazione di impianti elettrici, idraulici ed
  •  altri lavori simili,

 contraddistinti dai codici Ateco 2007 da 432101 a 432909 e dai codici statistici contributivi 11306, 11307, 11308, 41306, 41307, 41308.

Il beneficio consiste in una riduzione sui contributi dovuti – nella misura  appunto del 11,50% – per le assicurazioni sociali diverse da quell pensionistica e si applica ai soli operai occupati per 40 ore la settimana.

 Non spetta:

  •  per i lavoratori a tempo parziali,  e
  •  per quelli a cui si applicano agevolazioni ad altro titolo.

 In presenza di contratti di solidarietà, il beneficio è fruibile solo per i lavoratori ai quali non viene applicata la riduzione d'orario.

Non è piu applicabile invece ai premi assicurativi Inail.

Si ricorda infine che il beneficio,  come sempre in materia di sgravi contributivi, è  applicabile solo in presenza di:

  1.  regolarità contributiva attestata dal Durc, 
  2. rispetto delle ulteriori norme e degli accordi e contratti collettivi, stipulati dalle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro e dei lavoratori comparativamente più rappresentative sul piano nazionale.
  3. assenza di o condanne passate in giudicato per  violazioni in materia di sicurezza e salute nei luoghi di lavoro nel quinquennio antecedente la data di applicazione dell'agevolazione.

Riduzione edilizia 2022:  istruzioni INPS

Le  domande di applicazione della riduzione contributiva  dovranno essere inviate esclusivamente in via telematica avvalendosi del modulo “Rid-Edil” – disponibile all’interno del Cassetto previdenziale  sul sito  www.inps.it – nella sezione “Comunicazioni on-line”, funzionalità “Invio nuova comunicazione”.

Le verifiche saranno effettuate entro il giorno successivo all’invio. In caso  positivo,  sarà attribuito il codice di autorizzazione 7N, per il periodo da ottobre 2022 a gennaio 2023,  visualizzabile all’interno del Cassetto previdenziale.

In ogni caso lo sgravio si riferirà al periodo che va da gennaio 2022 a dicembre 2022.

I datori di lavoro autorizzati potranno esporre lo sgravio nel flusso Uniemens :

  •  a decorrere dal flusso di competenza ottobre 2022, 
  • con il codice causale L206 nell’elemento <AltreACredito> di <DatiRetributivi>.

Per il recupero degli arretrati relativi all’anno 2022 dovrà essere utilizzato il codice causale L207, nell’elemento <AltrePartiteACredito> di <DenunciaAziendale>.

Nei casi di matricole sospese o cessate, il datore di lavoro  dovrà inoltrare l’istanza tramite la funzionalità “Contatti” del Cassetto previdenziale  allegando una dichiarazione conforme al fac-simile allegato; la Struttura territorialmente competente, verificata la spettanza , attribuirà il codice 7N all’ultimo mese in cui la matricola era attiva.

I datori di lavoro autorizzati dovranno avvalersi della procedura delle regolarizzazioni contributive (UniEmens/vig).

Per gli operai non più in forza, i datori di lavoro potranno fruire del beneficio valorizzando l’elemento <TipoLavStat> con il codice NFOR, che contraddistingue gli operai non più in carico presso l’azienda.

Il beneficio potrà essere fruito in Uniemens fino al mese di competenza gennaio 2023.

Nessun articolo correlato