Attualità

Sospensione contributi Decreto Ristori: riguarda ottobre o novembre?

Tra le misure di sostegno alle imprese istituite dal recente decreto Ristori c'è la sospensione dei termini di versamento dei contributi previdenziali e assistenziali INPS e INAIL  "dovuti per la competenza del mese di novembre 2020", che potranno essere efettuati a partire dal 16 marzo 2021 anche in 4 rate , senza interessi ne sanzioni.

Vedi in merito Decreto Ristori le misure sul lavoro e famiglie.

Qui il testo integrale del decreto legge 137/2020.

La formulazione letterale della norma riportata sopra , è piuttosto chiara, e si  riferisce agli importi  da evidenziare  nel flusso di Uiemens di novembre con scadenza di versamento  nel mese successivo , entro il prossimo 16 dicembre. La dicitura riferiti al periodo di paga.. da sempre anche nei documenti di prassi INPS identifica i contributi calcolati per quel mese e versati nel mese successivo

L'interpretazione  viene confermata anche dalla stima complessi degli importi  in questione,  riportata nella relazione tecnica del decreto,  per la quale sono stati presi a riferimento gli  uniemens del mese di novembre 2019 con versamenti  a dicembre 2019.  

La stampa specializzata evidenzia pero che molti operatori  interpretano la sospensione come riferita alla scadenza del 16 novembre,  quindi sui periodi di competenza ottobre 2020  . 

Questo perche , secondo questa lettura,  il Dpcm è entrato in vigore il 24 ottobre (sabato) e  le aziende interessate  potrebbero fruire di un risparmio ben maggiore se potessero sospendere già il versamento in scadenza il 16.11 invece che quello del 16.12  . Infatti  nel mese di novembre,   con attivita sospese o ridotte  queste imprese ricorreranno con ogni probabilità agli ammortizzatori  sociali e i relativi contributi da versare saranno di importo molto inferiore. 

Una tale intepretazione puo essere effettivamente condivisibile sul piano dell'intenzione ma non si riflette nel testo della norma. Ancora una volta quindi di dovra attendere un chiarimento da parte dell'istituto previdenziale , che si spera giunga con la giusta celerita visto che la scadenza del 16 novembre è piuttosto vicina..