Rubrica del lavoro

Uniemens-CIG: procedura unica dal 1 maggio 2022

Ancora una proroga per  il regime transitorio  di coesistenza dei due sistemi di  comunicazione  dei periodi di cassa integrazione  con i vecchi modelli  SR 41 e con il nuovo flusso Uniemens CIG, fino al 30 aprile .

Il nuovo sistema operativo  volto a una  gestione piu tempestiva delle domande diventerà  l'unica modalità disponibile a partire dal 1 maggio 2022 .

Lo comunica INPS nel messaggio 1320 del 23 marzo 2022.

Anche dopo quella data comunque per  le richieste di pagamento diretto relative a periodi di integrazione salariale con una decorrenza anteriore al 1° maggio 2022, i datori di lavoro possono continuare a scegliere se utilizzare il nuovo flusso telematico “UniEmens-Cig” o il modello “SR41”.

L'Istituto precisa che  il sistema “SR41” dovrà necessariamente essere utilizzato fino alla fine del periodo autorizzato dai datori di lavoro che, alla data del 1° maggio 2022, avessero già inviato richieste di pagamento con tale sistema.

ATTENZIONE la novità non riguarda i datori di lavoro agricolo che continuano a utilizzare il modello SR43 SEMPLIFICATO.

Restano escluse anche  le richieste di pagamento diretto della prestazione dell’indennità di mancato avviamento al lavoro per i lavoratori del settore portuale di cui all’articolo 3, comma 2, della legge 28 giugno 2012, n. 92, per le quali  resta in uso  il modello “SR41 semplificato”.

Le istruzioni per la nuova UNIEMENS-CIG

Inps aveva pubblicato nel mese di aprile  2021 a circolare di istruzioni INPS (N. 62 2021)  per il superamento del modello SR 41  per gli ammortizzatori di emergenza COVID   mentre con il Messaggio n. 2353 del 21 giugno 2021,  l'istituto ha reso noto il rilascio della procedura per il nuovo flusso di pagamenti , su tutta Italia, in data 21 giugno 2021.

Nel documento tecnico allegato sono fornite le informazioni per la gestione telematica del flusso.

Tra i  dettagli sulla compilazione del flusso  si sottolineava riguardo all’elemento <IBAN>,  che la mancata compilazione  rende necessario  il pagamento  con bonifico domiciliato presso Poste Italiane e che   per la normativa antiriciclaggio non sarà possibile effettuare bonifici  per importi superiori ai 2.000 euro.

 La circolare specifica che il nuovo flusso “UniEmens-Cig” consente, oltre a un migliore  efficientamento dei tempi di erogazione della prestazione, ulteriori vantaggi per i datori di lavoro e gli intermediari che  sono :

  •  una più flessibile  rappresentazione dell’articolazione dell’attività lavorativa  in virtù del calendario giornaliero
  • è sufficiente inviare i soli codici fiscali, mentre le restanti informazioni sono prelevate automaticamente dagli archivi dell’INPS.