Sicurezza sul Lavoro

Sicurezza sul lavoro: le nuove misure nel DL PNRR 2024

Il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, Marina Calderone, dopo il grave caso di di incidente sul lavoro con 5 vittime in un cantiere edile di Firenze  ha svolto  il 21 febbraio una informativa al Consiglio dei ministri in merito alla situazione attuale della  salute e  della sicurezza nei luoghi di lavoro.

Si sono svolti anche incontri con le rappresentanze sindacali e datoriali  e le misure di rafforzamento delle tutele hanno trovato spazio nel  secondo decreto di attuazione del PNRR approvato il 24 febbraio dal Consiglio dei ministri  e pubblicato il  2 marzo come DL 19  2024  in Gazzetta ufficiale.

Sicurezza: le intenzioni del ministro e le misure nel DL PNRR

Nell'informativa il Ministro  citando i dati delle recenti relazioni INAIL e dell'ispettorato AVEVA  ricordato che  l’attività ispettiva effettuata nel corso del 2023 ha messo in evidenza forti criticità registrate . In particolare 

  •     su un totale di 92.658 accessi, 20.755 sono inerenti alla vigilanza in materia di salute e sicurezza, con un incremento di 3.720 ispezioni rispetto all’anno precedente;
  •     per quanto riguarda gli accessi ispettivi in edilizia, il livello di irregolarità registrato è stato pari al 76,48%, con un tasso di irregolarità media che supera l’85,2% nel caso di aziende impegnate in lavori collegati al superbonus 110%;
  •     secondo l’ultimo rapporto Inail, le denunce di infortunio sul lavoro presentate tra gennaio e dicembre sono state 585.356 (-16,1% rispetto al 2022), 1.041 delle quali con esito mortale (-4,5%).

Ha anche ricordato il recente incremento della consistenza delle forze ispettive: il personale a disposizione dell’Ispettorato nazionale del lavoro è oggi pari a 3.198 ispettori civili, dei quali 846 tecnici, a cui si aggiunge il personale ispettivo del Nucleo carabinieri, dell’Inps e dell’Inail. 

In effetti è datato 2022 l'ultimo concorso per l'ingresso di nuovi ispettori  molti dei quali non ancora assunti perche  in fase di formazione specifica

Con l’attuale organico,ha detto Calderone  nel 2024 sarà possibile sviluppare un’attività investigativa specifica maggiore del 40% rispetto al 2023. 

Inoltre, viste le risultanze in ordine all’altissima incidenza di irregolarità nel campo della salute e della sicurezza sul lavoro, saranno sbloccate le assunzioni per incrementare il contingente degli ispettori del lavoro, del nucleo ispettivo Carabinieri e del personale ispettivo di Inps e Inail.

Nell'informativa è stato anche annunciato un nuovo provvedimento  organico per   il potenziamento dei controlli per la  tutela i della  salute e sicurezza sui luoghi di lavoro, con  il coordinamento e il rafforzamento delle attività ispettive e del sistema sanzionatorio, anche in relazione :

  • al subappalto e alla somministrazione illecita e fraudolenta, 
  • alla qualificazione delle imprese,
  •  alla formazione del datore di lavoro e dei lavoratori.

Le nuove misure sono state inserite nel DL PNRR 19/ 2024  pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 2.3.2024. 

Nel corso degli incontri tra il Governo e le rappresentanze sindacali e datoriali sul tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro il ministro ha illustrato i provvedimenti in corso di adozione. 

In particolare ha specificato che

  1.  in tema di assunzioni  per i controlli sarà indetto  nuovo concorso per incrementare il contingente degli ispettori del lavoro, del nucleo ispettivo Carabinieri e del personale ispettivo di Inps e Inail. Previsti anche il coordinamento delle attività ispettive e il potenziamento del sistema sanzionatorio in relazione ai subappalti e alla somministrazione illecita e fraudolenta;
  2. sulla  qualificazione delle imprese e la formazione, che deve riguardare sia i lavoratori che il datore di lavoro, e la salvaguardia delle imprese  edili  si prevede l’introduzione della Patente a crediti che dovrebbe entrare in funzione dal  1° ottobre 2024 . Per lavorare nei cantieri sarà necessario  avere almeno  15 crediti. Leggi in merito Patente sicurezza cantieri 
    Con riguardo agli appalti si prevede  una responsabilità solidale tra tutti soggetti in caso di appalto illecito
    Riguardo a irregolarità contributive si prevedono ulteriori  aggravamenti delle sanzioni e penalizzazione  in caso di somministrazione abusiva di personale.

(Ulteriori dettagli all'ultimo paragrafo)

Sicurezza: parzialmente inattuato il DL 146 2021

Sull'ultimo punto si ricorda che già con il decreto  146 2021 dal Governo Draghi  era stata prevista una stretta per le  aziende che non rispettano e non fanno rispettare la normativa contenuta nel Testo unico per la salute e sicurezza nei luoghi di lavoro d.lgs    81/2008, con aumento delle sanzioni . 

Era previsto  inoltre un significativo rafforzamento del sistema dei controlli con maggiori poteri all'ispettorato  e al preposto.

Inoltre le sanzioni recentemente sono state adeguate al forte aumento dell'indice ISTAT .

Leggi in merito Sanzioni sicurezza   tabella completa aumenti 2023 .

Il decreto prevedeva anche l'obbligo di formazione per i datori di lavoro  rimasto inattuato perché sempre  in attesa del parere della Conferenza stato regioni . La bozza in consultazione datata  agosto 2023 non è ancora stata approvata.

Le altre misure del DL PNRR per il lavoro

Il capo VIII  del DL 19 2014 contiene disposizioni urgenti in materia di  sicurezza sul lavoro tra cui 

  • disposizioni di carattere preventivo-incentivante (ad esempio l’erogazione di benefici normativi e contributivi all’assenza di violazioni della disciplina in materia di lavoro e legislazione sociale, e  premialità in favore di datori di lavoro che dimostrino comportamenti virtuosi 
  •  sanzioni penali – in luogo delle sanzioni amministrative, frutto di una precedente depenalizzazione, per le ipotesi di somministrazione fraudolenta di lavoratori, utilizzazione illecita e  somministrazione abusiva con sfruttamento di minori;
  • misure per il rafforzamento dell’attività di accertamento e contrasto delle violazioni in ambito contributivo; 
  • misure di potenziamento del personale ispettivo in materia di lavoro (Ispettorato Nazionale del Lavoro, Nucleo dei Carabinieri, INPS e INAIL) per i controlli relativi alla salute e sicurezza sui luoghi di lavoro;
  • estensione del regime di solidarietà nell’obbligazione retributiva e contributiva, verifica di congruità del costo della manodopera negli appalti pubblici e privati;